Get Adobe Flash player
Banner

Angelo-schillaciPer il gup Marcello Testaquatra il patto criminale tra la cosche mafiose di Campofranco ed Agrigento sarebbe un dato

di fatto, tanto che il magistrato nisseno ha condannato tutti e quattro gli imputati, al termine del processo scaturito dal blitz antimafia "Amicizia" svoltosi con il rito abbreviato e riguardante le estorsioni all'impresa "Gruppo Asfalti".
Con la sentenza emessa intorno alle 12:30 di ieri è arrivata la condanna a 7 anni per Angelo Schillaci (51 anni), considerato un esponente di spicco non solo della cosca campofranchese ma dell'intero organigramma della mafia della provincia nissena. Il giudice gli ha concesso il beneficio della continuazione della pena con la sentenza di condanna a 12 anni per mafia ed estorsione arrivata nel processo "Itaca-Bocat" e già diventata definitiva.
Alfredo Schillaci (46 anni, fratello di Angelo), si è visto invece infliggere 5 anni e 4 mesi; ad entrambi, oltre all'estorsione alla "Gruppo Asfalti", veniva contestata anche la detenzione di un fucile a canne giustapposte e di alcuni candelotti di dinamite che i due fratelli custodivano in un canale di scolo nel loro impianto di produzione di calcestruzzo. L'arma e la dinamite (quest'ultima in pessimo stato di conservazione) avrebbero fatto parte, secondo la Procura nissena, dell'arsenale della cosca campofranchese.
L'estorsione alla "Gruppo Asfalti" - concretizzatasi in una richiesta di 20 mila euro a titolo di pizzo al titolare dell'impresa Giuseppe Pullara tra il 2003 ed il 2004 - sarebbe stata pianificata, sempre secondo la tesi della Dda nissena e dei Carabinieri, assieme alla cosca mafiosa di Agrigento guidata dal boss Giuseppe Falsone (la cui posizione è stata stralciata alla chiusura delle indagini) ed a curare l'affare sul versante agrigentino sarebbe stato il favarese Vincenzo Parello (62 anni), al quale sono stati inflitti 6 anni per estorsione.
Per Angelo Schillaci e Parello il gup ha disposto due anni di libertà vigilata e l'interdizione perpetua dai pubblici uffici
Pena più lieve per l'ex affiliato mafioso di Campofranco ed oggi collaboratore di giustizia Maurizio Carrubba (41 anni), condannato ad 1 anno, 1 mese e 10 giorni; a lui il giudice - visto il contributo dato all'indagine con le sue dichiarazioni - ha concesso l'attenuante speciale per i collaboratori di giustizia, come chiesto sia dal pm Stefano Luciani che dall'avvocato difensore Angelo Tornabene. L'accusa aveva chiesto inoltre 10 anni per Angelo Schillaci, 8 anni a testa per Alfredo Schillaci e Parello ed 1 anno, 1 mese e 10 giorni per Carrubba.
Entro tre mesi il giudice depositerà la motivazione, poi gli avvocati difensori Danilo Tipo, Claudio Testa e Lillo Fiorello - che avevano chiesto l'assoluzione dei loro assistiti sostenendo la lacunosità delle prove e l'assenza di riscontri alle dichiarazioni dei pentiti - presenteranno appello.
Vincenzo Pane - La Sicilia

Aggiungi commento

Si ricorda agli utenti che i commenti sono inviati e pubblicati sotto la completa responsabilità degli autori degli stessi. Non verranno pubblicati i commenti palesemente offensivi, diffamatori o ingiuriosi.


Codice di sicurezza
Aggiorna

News Flash

Sutera, arriva la convenzione con l'Azienda forestale

Il Comune di Sutera e l'Azienda Forestale sezione di Caltanissetta sono stati autorizzati dall'Assessorato Regionale

Leggi tutto...
 
Non diffamò Vaccaro, Acquisti assolto

Le dichiarazioni critiche nei confronti di Vaccaro, l'ex sindaco del comune di 

Leggi tutto...
 
Atletico Campofranco, Adesso quale scenario?

Salvatore Mazzara, il presidentissimo, quello dell'Eccellenza, quello entrato di diritto nelle pagine più belle della storia

Leggi tutto...
 

Clicca su "mi piace"

News dal mondo

Il papiro della 'moglie di Gesù': test provano che non è falso moderno

Il "Vangelo della moglie di Gesù" non è un falso moderno. La conferma viene da test condotti nei laboratori di Columbia, Mit e Harvard sul piccolo frammento di papiro che riporta un brano in lingua copta con le parole: "Gesù ha detto loro: 'mia moglie ...' - e poco sotto - Lei sarà in grado di essere mia discepola".

Leggi tutto...
 
Firenze, blackout durante cesareo Bimba nata con i flash dei cellulari

Parto cesareo portato a termine grazie alle luci dei cellulari. E' successo lunedì all'ospedale fiorentino di Careggi, quando è calato il buio a causa di un improvviso blackout

Leggi tutto...
 
MAFIA: SONO PIU DI DUECENTO I BOSS TRASFERITI

PALERMO - Da Totò Riina a Bernardo Provenzano, da Leoluca Bagarella ai fratelli Filippo e Giuseppe Graviano. Una maxi rotazione di detenuti al 41 bis coinvolge i pezzi grossi

Leggi tutto...
 

Lo sai che...

"Lo sai che... l'omocisteina è fondamentale per il nostro organismo?"

 

L’omocisteina è un aminoacido non proteico molto importante per il corretto funzionamento cellulare, in quanto a concentrazioni fisiologiche è coinvolto in numerose reazioni che

Leggi tutto...
 
Lo sai che...ci sono due mari che si incontrano e non si mischiano?

 

Si tratta di un particolare fenomeno che avviene in

Leggi tutto...
 
Lo sai che...ridurre la spesa pubblica non risolve la crisi ma la peggiora?

Ogni giorno sentiamo dai nostri politici la panacea di tutti i mali, la soluzione che sta a cuore a tutti e che negli ultimi anni è stata al centro del dibattito politico, il taglio alla spesa pubblica, ma che cos'è questa spesa pubblica e da cosa è composta?

Leggi tutto...
 

Ultimi Commenti